Login al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami
SOSTIENI L'IMPEGNO DELL'U.N.I.R.R.

Il modesto contributo che lo Stato versava all'U.N.I.R.R. è stato eliminato. Nonostante la nostra associazione operi grazie al volontariato gratuito, ha dei costi che vanno necessariamente sostenuti. Per preservare la memoria e continuare il supporto alle famiglie nelle ricerche dei dispersi, abbiamo bisogno del tuo aiuto.
Puoi diventare socio U.N.I.R.R. oppure donare liberamente con le seguenti modalità: tramite bollettino postale sul conto corrente n. 60955408 intestato a U.N.I.R.R. - Via Vincenzo Monti 59, 20145 MILANO, oppure tramite carta di credito o Paypal:
 

Salva

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

198. Juliana

 

Da Li Romani in Russia, Elia Marcelli, il cubo, Roma, 2008

 

E l'acqua? L'acqua nostra era la neve

squajata ar foco drento a le gavette;

ma era un intrujo, 'ba brodaja greve.

Ce stava un pozzo, avanti a le casette,

ma chi s'illude de potécce beve,

ciarimétte la pelle, ciarimétte!

C'è un cecchino, inguattato a mezza costa,

che fa secco chiunque ce s'accosta!

 

"Acqua! Acqua!" fiottàveno assetati

due o trecento feriti, notte e giorno,

tra sudori de febbre e fumo e fiati,

zeppi in quell'isbe calle come un forno!

"Acqua..." e quarcuno, a passi strascicati,

sortiva fòri, se guardava attorno,

e annava verso er pozzo maledetto

a pijasse 'na palla in fronte o in petto!

 

C'era, tra quella gente poveretta,

rimasta in mezzo a 'sta tribbolazzione,

'na madre de famija, 'na donnetta

co' la polacca, cor fazzolettone,

cor busto nero su la camicetta

come s'usa in Friùli o a Frosinone,

differente da loro un pochettino

soltanto ner parlà, ch'era ucraìno.

 

Ciaveva casa piena, poveraccia,

de dolori, de strilli e de lamenti;

e lei a pulì ferite, a fascià braccia,

a assiste giorno e notte li morenti,

a asciugaje er sudore su la faccia

ner delirio de l'ùrtimi momenti.

E lì, su la parete, incorniciato

c'era er fijo, vestito da sordato.

 

"Juliana – je dicéveno – ciò sete..."

e chi chiamava Cristo e la Madonna,

"Mamma... mamma mia bella, dove sête..."

e lei je s'accostava, pôra donna,

guardanno er fijo su la parete;

"Sento che mòro... tutto se sprofonna...

mamma..." e lei je pijava quella mano

e je l'accarezzava piano piano.

 

"Acqua... un po' d'acqua..." E lei prese la brocca,

s'annodò attorno ar viso er fazzoletto,

"Tanto – pensò – so' russa, chi me tocca?"

e annò verso quer pozzo maledetto

co' l'occhi fissi e co' quer nodo in bocca.

"Juliana! No..." Ma un colpo del moschetto

de quer cecchino che nun perdonava

la prese in petto mentre camminava!

 

Cascò giù piano, come fosse stanca,

e s'afflosciò co' quelle vesti nere

su quer lenzuolo de bambace bianca.

Incrociate sur pozzo, a bilanciere

c'erano du' filagne, e a mano manca

calava er sole tra le ciminiere:

e lei pareva, in quer silenzio atroce,

la madre de Gesù sotto a la croce.

 

Nun se pô dì: chissà se chi ha sparato

cià creduto davéro a quer vestito,

e l'ha preso pe' un trucco d'un sordato,

e ha pensato a una donna ch'ha tradito.

In guerra, manco Cristo è rispettato,

e l'omo l'arinchioda imbestialito.

Mò, a Nichitovka, c'è una croce strana

fra quelle nostre: quella de Juliana.


logo bn1UNIONE NAZIONALE ITALIANA REDUCI DI RUSSIA
Reduci della Prigionia, Famiglie dei Caduti e dei Dispersi

Ente Morale (Decreto Ministero Difesa 20.11.1996)
Presidenza Nazionale: Via Vincenzo Monti 59 - Milano
email: fronterussounirr@libero.it