Login al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami
SOSTIENI L'IMPEGNO DELL'U.N.I.R.R.

Il modesto contributo che lo Stato versava all'U.N.I.R.R. è stato eliminato. Nonostante la nostra associazione operi grazie al volontariato gratuito, ha dei costi che vanno necessariamente sostenuti. Per preservare la memoria e continuare il supporto alle famiglie nelle ricerche dei dispersi, abbiamo bisogno del tuo aiuto.
Puoi diventare socio U.N.I.R.R. oppure donare liberamente con le seguenti modalità: tramite bollettino postale sul conto corrente n. 60955408 intestato a U.N.I.R.R. - Via Vincenzo Monti 59, 20145 MILANO, oppure tramite carta di credito o Paypal:
 

Salva

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

200. Il laghetto ghiacciato

 

Da Porta la vacca al toro, Vittore Querèl, Trevi Editore, Roma, 1973

 

Quel 28 dicembre del 1941 erano giunti gli “ordini per la costituzione della linea Zeta”. I Comandi retrospettivi davano disposizioni di mettersi subito al lavoro per rafforzare le posizioni “in cui svernare”.

Ma, quel giorno, molte di quelle posizioni erano ancora in mano ai Russi. Indipendentemente dai Comandi superiori, si continuò a combattere finché la battaglia si esaurì, finché si poterono conquistare le quote utili per una sistemazione difensiva.

Fino al giorno prima c’era stata molta neve; anche all’imbrunire del 27 era caduta fitta, ma con l’alba era venuto fuori un freddo secco che aveva raddoppiato i gradi-meno, portandoli a cifre paurose.

Dentro quel gelo, con le mani fredde anche portando i guantoni, il naso che minacciava di congelarsi, il grasso delle mitragliatrici che diventava pietra, la 10ª Compagnia dell’82° andò a prendersi Ploskji.

Nonostante i Russi, le loro batterie, i loro mortai.

Nonostante l’agguato del laghetto ghiacciato, invisibile per la neve distesa ovunque, una vera trappola in cui i Russi ci lasciarono infilare senza spararci addosso, aspettando che un intero plotone arrivasse al centro; poi, d’improvviso, ecco i colpi di mortaio che rompono la superficie ghiacciata e inghiottono i fucilieri.

Andò meno male di quanto si potesse credere. I soldati se la cavarono. Il gelo raddoppiò la loro furia. Presero d’assalto le case del paese in cui i Russi erano asserragliati, non ci fu più tempo di pensare al ghiaccio che era entrato in corpo.

Fu l’ultima azione di quella Battaglia di Natale.

I Sovietici furono snidati casa per casa. Non si fecero prigionieri.


logo bn1UNIONE NAZIONALE ITALIANA REDUCI DI RUSSIA
Reduci della Prigionia, Famiglie dei Caduti e dei Dispersi

Ente Morale (Decreto Ministero Difesa 20.11.1996)
Presidenza Nazionale: Via Vincenzo Monti 59 - Milano
email: fronterussounirr@libero.it