Login al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami
SOSTIENI L'IMPEGNO DELL'U.N.I.R.R.

Il modesto contributo che lo Stato versava all'U.N.I.R.R. è stato eliminato. Nonostante la nostra associazione operi grazie al volontariato gratuito, ha dei costi che vanno necessariamente sostenuti. Per preservare la memoria e continuare il supporto alle famiglie nelle ricerche dei dispersi, abbiamo bisogno del tuo aiuto.
Puoi diventare socio U.N.I.R.R. oppure donare liberamente con le seguenti modalità: tramite bollettino postale sul conto corrente n. 60955408 intestato a U.N.I.R.R. - Via Vincenzo Monti 59, 20145 MILANO, oppure tramite carta di credito o Paypal:
 

Salva

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Arrivederci, "Don Croda"...

 

03.Don Gastone Barecchia www.avvenire.it

L'immagine di Don Gastone Barecchia, seppure modificata,

è tratta dal sito www.avvenire.it

 

 

Si è spento ieri, il 2 novembre, presso l'Ospedale Fatebenefratelli di Venezia.

Don Gastone Barecchia, 102 anni compiuti proprio il giorno prima – 1° novembre 2016 – era conosciuto da molti come Don Croda, per l'amore inesausto verso le montagne.

Con lui se ne va un tesoro di episodi e di aneddoti della Campagna di Russia... mai, purtroppo, si era deciso a mettere per iscritto i suoi ricordi.

 

Nato a Caserta nel 1914 e ordinato sacerdote il 4 luglio 1937 dall'allora Patriarca di Venezia, era partito per il Fronte Orientale nell'estate 1942 come cappellano del 2° Reggimento Artiglieria della Divisione Tridentina. Ferito durante il ripiegamento da una granata (che provocò la morte di sette alpini), affrontò dopo il rimpatrio una lunga convalescenza... portando sempre in corpo le schegge di quell'ordigno.

L'esperienza in Russia lo segnò nel profondo.

Oltre alla nomina – nel 1945 – a rettore della chiesa veneziana di S. Sebastiano (incarico che mantenne, eccetto una breve parentesi, sino alla morte), cercò sempre di porsi al servizio degli altri... Questo suo impegno si concretizzò con l'essere cappellano, dal 1947 al 1998, presso il carcere maschile veneziano di Santa Maria Maggiore.

 

Se due anni fa, presso la chiesa suddetta di S. Sebastiano, in tanti erano convenuti per festeggiare insieme a Don Barecchia il suo primo secolo di vita, siamo certi che domani – 4 novembre 2016 – un numero altrettanto elevato di persone si riunirà, per salutarlo ancora una volta, nella chiesa parrocchiale di San Raffaele, a Venezia, dove – alle 15.30 – avranno luogo i funerali.

 

 


 

 

Ecco la foto di un sorridente e giovanile

Don Barecchia,

distribuita il 4 novembre scorso

in occasione delle esequie...

 

04.Don Gastone Barecchia Foto distribuita al funerale

 

 


logo bn1UNIONE NAZIONALE ITALIANA REDUCI DI RUSSIA
Reduci della Prigionia, Famiglie dei Caduti e dei Dispersi

Ente Morale (Decreto Ministero Difesa 20.11.1996)
Presidenza Nazionale: Via Vincenzo Monti 59 - Milano
email: fronterussounirr@libero.it