Login al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami
SOSTIENI L'IMPEGNO DELL'U.N.I.R.R.

Il modesto contributo che lo Stato versava all'U.N.I.R.R. è stato eliminato. Nonostante la nostra associazione operi grazie al volontariato gratuito, ha dei costi che vanno necessariamente sostenuti. Per preservare la memoria e continuare il supporto alle famiglie nelle ricerche dei dispersi, abbiamo bisogno del tuo aiuto.
Puoi diventare socio U.N.I.R.R. oppure donare liberamente con le seguenti modalità: tramite bollettino postale sul conto corrente n. 60955408 intestato a U.N.I.R.R. - Via Vincenzo Monti 59, 20145 MILANO, oppure tramite carta di credito o Paypal:
 

Salva

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Recensioni

IMAGE Aldo Del Monte, La croce sui girasoli
30/03/2013
Recensione di Patrizia Marchesini   Ordinato sacerdote nel 1939, Aldo Del Monte parte per la Russia nel 1942, come cappellano militare. Il libro, se mi è consentito, è come il lato B di un 45 giri. Il lato A è quello sempre ascoltato, quello famoso. Poi, qualcuno si accorge che esiste anche il retro di quel disco, magari altrettanto pregevole. Ecco, se quanto di solito leggiamo sulla Campagna di Russia è il lato A, vale la pena ascoltare questo volume....
IMAGE Alfio Caruso, Noi moriamo a Stalingrado
21/09/2013
Recensione di Patrizia Marchesini     Erano settantasette. Se gli Italiani della Campagna di Russia trovano, di solito, poco spazio nei giornali, nelle trasmissioni televisive, nella memoria collettiva dell’Italia, di quei settantasette non si parla mai, o quasi. Molte persone non ne conoscono neppure la storia, nascosta tra le mille pieghe di una Storia tanto più grande. Ci ha pensato Alfio Caruso, ad accendere l’occhio di bue su quei nostri...
IMAGE Antonio Andrioli, Prigionieri nella neve
18/04/2015
Recensione di Patrizia Marchesini   Antonio Andrioli, classe 1917, iscritto alla Facoltà di Economia e Commercio presso l’Università di Torino, stava lavorando in Friuli per l’impresa di costruzioni Recchi quando – il 9 marzo 1942 – fu richiamato all’11° Reggimento Genio di Udine, e assegnato al III Battaglione Misto Genio (Divisione Julia). La sua 123ª Compagnia Artieri comprendeva sette ufficiali e più di cinquecento genieri alpini...
IMAGE Antonio Zanfagnini, Diario di un soldato in Russia
31/08/2014
Recensione di Patrizia Marchesini   La Guerra è la Guerra! La gente è un’altra cosa.[1] Questa frase – scritta il 29 aprile 1942 – è quella che, forse, meglio riassume il diario di Antonio Zanfagnini. Partito per il Fronte Russo nel luglio 1941 e assegnato a un Comando Tappa, l’autore fa la conoscenza di molte persone. I giorni si srotolano, e i rapporti si consolidano. […] ci viene da chiederci: ma siamo davvero nemici di questo popolo?[2] C’è...
IMAGE Carlo Balestra-Italo Riera, a cura di, Voci dalla steppa
02/07/2013
Recensione di Patrizia Marchesini     Le voci dalla steppa mormorano. Raccontano il freddo e i giorni difficili, ma anche l’amicizia. Descrivono momenti di violenza, ma anche di condivisione profonda. Indugiano, oppure sorvolano, quando i ricordi si fanno troppo aspri. Le voci dalla steppa sono ventisette e appartengono ad altrettanti uomini che furono sul Fronte Russo. Voci sommesse, senza clamori inutili, cariche di umanità e sgonfie di...
IMAGE Chris Bellamy, Guerra assoluta
29/06/2014
Recensione di Patrizia Marchesini   Vi sono libri la cui lettura necessita di tempo. Come un pasto abbondante e sostanzioso, i capitoli di Guerra assoluta vanno assimilati senza fretta. Bellamy ha l’intento ambizioso di presentare la storia del conflitto forse più grande e sanguinoso di tutti i tempi, uno scontro che mirava – da ambo le parti – all’annientamento del nemico, e che fu senza dubbio determinante per l’evolversi della Seconda Guerra...
IMAGE Dante Carnevale, Dimenticati all'inferno
05/04/2017
Recensione di Patrizia Marchesini   All’inizio dell’ottobre 1942 il brigadiere Dante Carnevale ha il comando interinale della Stazione dei Carabinieri di Venturina (in provincia di Livorno). Quando, il 7 ottobre, gli comunicano che deve partire per il Fronte Russo si sente “gelare il sangue”. Ma gli ordini non si discutono. Pertanto, mobilitato con la 56ª Sezione Motorizzata Carabinieri, il 24 novembre inizia quel viaggio che si concluderà solo il 28...
IMAGE Donato Guglielmi, Attendimi - Russia 1942-1946 - Diario di un medico in prigionia
05/11/2013
Recensione di Patrizia Marchesini   28 novembre 1942. Il sottotenente medico Donato Guglielmi parte per il Fronte Orientale. È sposato da un anno e mezzo e la moglie Evelina sta per partorire il loro primo figlio. Il giovane ufficiale inizia la stesura di un diario. L’11 dicembre, il giorno seguente il suo arrivo all’Ospedale n. 578 di Kantemirovka, riceve un telegramma laconico: Evelina sta bene e la neonata, Donatella, è morta. Guglielmi fatica ad...
IMAGE Emilio Vio Sopranis, ARMIR - La tragica avventura dell'Armata Italiana in Russia
27/03/2013
Recensione di Patrizia Marchesini     Il sottotenente Emilio Vio Sopranis – 173a Compagnia Controcarro, 3o Reggimento Bersaglieri – arrivò al Fronte Orientale nell’aprile 1942 e partecipò alle operazioni della Divisione Celere fino al dicembre di quell’anno, quando venne catturato. Autore de Il 21 marzo 1942 del sottotenente Francesco Cristiani e di alcuni racconti pubblicati nell’antologia Dasvidanja – nonché su Storia Illustrata e...
IMAGE G. Scotoni-S.I. Filonenko, a cura di, Retroscena della disfatta italiana in Russia nei documenti inediti dell'8ª Armata
30/03/2013
Recensione di Patrizia Marchesini   Tra le sue molte particolarità la Campagna di Russia include anche quella di essere stata raccontata in special modo da testi di memorialistica, più che da trattazioni di storici e studiosi. I ricordi dei reduci – sotto forma di racconti e rievocazioni oppure di veri e propri diari – sono in alcuni casi capolavori di letteratura, ma hanno talvolta il limite di offrire una ricostruzione soggettiva degli eventi. La...
IMAGE Gino Beraudi, Vainà kaputt - Guerra e prigionia in Russia (1942-1945)
30/03/2013
Recensione di Patrizia Marchesini     Ho terminato di leggere questo libro in un pomeriggio uggioso di febbraio, seduta sul divano. All’ultima parola dell’ultima pagina sono rimasta immobile per alcuni minuti, lo sguardo fisso alla finestra, senza in realtà vedere nulla. Gino Beraudi, aiutante maggiore del Battaglione Dronero, ci ha consegnato una testimonianza davvero significativa. Racconta eventi ben noti – il ripiegamento, la cattura, i primi...
IMAGE Giorgio Lavorini-Riccardo Maffei, Il babbo disperso in Russia
11/07/2015
Recensione di Patrizia Marchesini   Vaiano (Prato), 12/9/2011   Caro Babbo, le tue lettere la cara Mamma le ha conservate tutte come tu le raccomandavi. [...] Sono sicuro che il bene che mi volevi si è rafforzato negli anni e tuttora me ne vuoi tanto. Posso assicurarti che anche la buona Mamma mi ha voluto tanto bene [...]. Il 29 agosto 2011 sono arrivato a Simovskij. Ti ho ritrovato... mi hai preso la mano... [...] mi hai raccontato molte cose... io ti...
IMAGE Giovanni Bontempi, Un girasole lo veglierà
03/02/2015
Recensione di Patrizia Marchesini   Per chi si occupa di Campagna di Russia la memorialistica ha un’importanza enorme. Non tutti i libri sono opere di letteratura eccelsa. Ma ognuno di essi offre uno spaccato che – pur avendo punti di contatto con altre testimonianze, poiché simili furono, in molti casi, le esperienze – è comunque senza eguali. Nel libro di Giovanni Bontempi lo zaino è sempre zanio e Hitler è sempre Ilter: è lo scritto di un uomo...
IMAGE Giovanni Messe, La guerra al Fronte Russo
08/11/2016
di Patrizia Marchesini     La figura del generale Giovanni Messe è ben nota a chi si occupa di Campagna di Russia. Comandante del C.S.I.R. dal 16 luglio 1941,[1] e del XXXV Corpo d’Armata dal 9 luglio 1942,[2] rientrò in Patria il 1° novembre di quello stesso anno.   Messe focalizza la narrazione su alcuni aspetti in particolare. In primo luogo desidera rendere omaggio ai soldati italiani. Uomini calati in uno scenario difficilissimo, i cui...
IMAGE Giuseppe Bassi, Dal fronte del Don ai lager sovietici
30/06/2016
Recensione di Patrizia Marchesini   Giuseppe Bassi lascia l’Italia la notte fra l’8 e il 9 febbraio 1942, insieme al 120° Reggimento Artiglieria Motorizzato da destinarsi alla Divisione Celere. Il giovane sottotenente, classe 1919, è convinto – per quello che è stato sino a ora l’andamento del conflitto – che la Germania sconfiggerà in tempi brevi l’Unione Sovietica. Cresciuto nel clima politico dell’epoca, gli è parso “giusto e...
IMAGE Harrison E. Salisbury, I 900 giorni
24/05/2015
di Patrizia Marchesini   La Campagna di Russia ci coinvolge al punto che siano soliti analizzarla sul vetrino di un microscopio ideale, nel tentativo di ricostruire le vicende degli uomini del C.S.I.R. e dell’Arm.I.R.. Per una volta, allontaniamo l’occhio da quel vetrino... Salisbury, nel 1969, ci ha consegnato un’opera complessa e dettagliata sull’assedio di Leningrado, città-simbolo dell’Unione Sovietica, accerchiata dalle armate tedesche per...
IMAGE Lucio Lami, Isbuscenskij, l'ultima carica
30/03/2013
Recensione di Patrizia Marchesini   Lucio Lami, giornalista, è autore di una trentina di libri. Nell’autunno del 1960 terminò il servizio di leva come giovane ufficiale in Savoia Cavalleria, e sul finire di quel decennio riuscì a rintracciare quasi tutti i reduci del reggimento che avevano partecipato alla famosa carica. Dalle loro testimonianze e dai loro diari è nato questo volume, edito per la prima volta nel 1970 e ristampato di recente. Leggerlo è...
IMAGE Nevio Rosso, Un medico sul Fronte Russo con i fanti della Cosseria
30/03/2013
Recensione di Patrizia Marchesini    Nell’estate 1942 Nevio Rosso si trova presso un ospedale militare di Vallecrosia, in provincia di Imperia. Sottotenente medico del CCV Battaglione Cannoni, viene assegnato al 7o Reggimento Fanteria di Marcia, designato a fornire complementi ai reparti italiani che durante la Prima Battaglia Difensiva del Don hanno subito parecchie perdite. Parte dalla stazione di Sampierdarena un mercoledì, “col preavviso di poche...
IMAGE Paolo Zanlucchi, La milizia del Duce muore sul Don
03/01/2016
di Patrizia Marchesini   Per Camicia Nera, secondo Wikipedia, si intende il primo grado della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale. L’abbinamento fascismo-Camicia Nera è ormai talmente consolidato che anche oggi non è raro definire Camicia Nera un nostalgico del Ventennio.   Se si pensa alle Camicie Nere la mente corre, per associazione di idee, a certi stereotipi ben radicati di baldanza, di aggressività, di fanatismo nei confronti della...
IMAGE Sara Benedini, Il nastro tricolore
04/04/2014
Recensione di Patrizia Marchesini     Alcune lettere e una bambina curiosa. Le lettere, custodite nelle loro buste e legate da un nastro tricolore, erano di Gastone Rizzi, IX Battaglione Mortai, Divisione Pasubio. Stavano, da sempre, nel salotto buono e Sara, nipote di Gastone, quando andava dai nonni più volte avrebbe voluto slegare il nastro, e sapere cosa vi fosse all’interno di quelle buste... Gli adulti di casa le dicevano che contenessero un...
IMAGE Silvio D'Aloiso, Ritrovato dopo 40 anni - Diario della Campagna di Russia 1942-’43 del bersagliere Silvio D’Aloiso
04/01/2014
Recensione di Patrizia Marchesini     Alla partenza per il Fronte Orientale, nel luglio 1942, il caporal maggiore Silvio D’Aloiso decide di tenere un diario. Il quaderno, al sicuro nella tasca della giubba militare, lo accompagna durante i mesi della Campagna di Russia, per poi andare incontro a una sorte travagliata. Nei giorni successivi all’8 settembre 1943 l’autore è a Bologna e per sfuggire alla cattura da parte tedesca trova rifugio presso...
IMAGE Sirio Sintoni, I topi della steppa
10/01/2014
di Patrizia Marchesini     Non so decidere se questo libro mi sia davvero piaciuto. In certi punti è un po’... saccente, come se Sintoni – iniziata la vita militare – avesse piena consapevolezza di ogni cosa che sarebbe poi accaduta a lui, all’intera 8ª Armata e all’Italia. Questo, ma è solo il mio parere, toglie immediatezza al racconto e ne rovina un po’ la spontaneità. Sintoni ha appena compiuto 21 anni quando giunge al Fronte Russo,...

logo bn1UNIONE NAZIONALE ITALIANA REDUCI DI RUSSIA
Reduci della Prigionia, Famiglie dei Caduti e dei Dispersi

Ente Morale (Decreto Ministero Difesa 20.11.1996)
Presidenza Nazionale: Via Vincenzo Monti 59 - Milano
email: fronterussounirr@libero.it