×
Ricerche di militari

Prima di postare domande relative a ricerche di militari, si prega consultare la guida che abbiamo creato al seguente indirizzo:
www.unirr.it/ricerche/guida-per-le-ricerche-di-militari

× Richieste di aiuto nelle ricerche

Eolo Brugnati - Fante 277° Rgt. Divisione Vicenza

04/07/2015 20:15 #13 da Alex
Buonasera Patrizia,
Bè diciamo che la vita del turnista ha i suoi lati positivi e negativi, ma non escludo di andarci un giorno a visitare quei luoghi.
Ho ricevuto la mail, sarà un vero piacere per me" conoscerlo", che dire, buon fine settimana anche a te e ci sentiamo magari se ho qualche novità, a breve (sempre che all'albo d'oro siano bravicome al cedoc) mi arriverà il verbale di irreperibilità. A risentirci.
Alessandro

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

04/07/2015 20:57 #14 da Patrizia Marchesini
Sai che anch'io - finora - non sono mai riuscita a visitare quei luoghi?
Spero di poterci andare, prima o poi...

In quanto al Verbale di Irreperibilità... aspettiamo senz'altro tue notizie dopo che l'avrai ricevuto.

A presto.

Patrizia

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/07/2015 21:01 #15 da Alex
Ciao patrizia, ti scrivo per informarti che dal verbale di irreperibilità non è saltato fuori niente di nuovo, assieme quello mi hanno mandato una lettera in cui c'era scritto che vicino a Udine (Garlasco credo) c'è un cimitero di guerra ove riposano assieme a tante le salme di 11000 soldati ignoti dell'ARMIR e non è da escludere che sia li. Diciamo che la prendo per vera e mi fermo qua, grazie comunque delle info che mi hai dato!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/07/2015 22:33 #16 da Patrizia Marchesini
Ciao, Alessandro.

La lettera che hai ricevuto in accompagnamento al Verbale di Irreperibilità di certo fa riferimento al Tempio-Sacrario di Cargnacco , a pochissimi chilometri da Udine.
Non vi è, quindi, un cimitero di guerra, ma una cripta - sottostante il Tempio - con i resti di un certo numero di nostri soldati esumati o da cimiteri campali italiani al Fronte Orientale (cimiteri ordinati dai cappellani militari) o da fosse comuni situate indicativamente lungo il percorso del ripiegamento e dove la popolazione locale seppellì - al momento del disgelo, nella primavera del '43 - i corpi di quanti erano morti (negli scontri per aprirsi la strada verso ovest, o per stanchezza, o per congelamento...).

Alcuni dettagli in più...
Naturalmente nei cimiteri campali trovarono riposo solo i militari deceduti prima dell'inizio del ripiegamento.
I cimiteri campali furono poi distrutti o comunque danneggiati seriamente dall'Armata Rossa in avanzata verso ovest e di essi non rimase traccia.
Siccome però i cappellani militari avevano realizzato piantine e mappe di riferimento piuttosto dettagliate, per il nostro Ministero della Difesa fu possibile identificare la posizione di alcuni di quei cimiteri e procedere (negli anni '90, in seguito al dissolvimento dell'Unione Sovietica e una certa apertura e collaborazione da parte del Governo russo) alle esumazioni dei resti.
Purtroppo lo sviluppo urbanistico nei decenni successivi al termine del conflitto e la realizzazione di lavori pubblici di un certo tipo (strade, ferrovie, edifici) non sempre ha consentito gli scavi e le esumazioni.
In ogni caso la stragrande maggioranza dei resti esumati dai cimiteri campali è stata identificata, grazie - appunto - alle piantine con i numeri delle tombe che i cappellani predisposero all'epoca, nonché grazie all'abitudine dei cappellani di inumare ogni caduto insieme a una bottiglietta di vetro contenente le generalità del caduto stesso.
Un certo numero di quei resti, una volta rimpatriati, è stato inumato nuovamente in un cimitero scelto dai familiari, e non a Cargnacco.

Per i resti esumati dalle fosse comuni, come è intuibile, l'identificazione è un problema. Alcuni di quei resti sono stati definiti noti non identificati: significa che nella fossa comune furono probabilmente rinvenuti oggetti e cimeli che riconducevano all'identità di qualche militare... tuttavia le modalità di sepoltura non permisero di attribuire un nome certo a quei resti.
Non so se mi sono spiegata... il discorso rischia di diventare delicato e tristissimo.

Al momento - che io sappia - il Ministero della Difesa non ha mai esumato resti dalle fosse comuni dei campi di prigionia: i deceduti, infatti, venivano seppelliti nudi, senza alcun segno distintivo, mescolati per nazionalità e procedere alla loro identificazione sarebbe impossibile.

Cmq...

Ogni anno, la terza domenica di settembre, presso il Tempio-Sacrario di Cargnacco si svolge una cerimonia in ricordo di tutti i caduti e dispersi del Fronte Orientale.
Se la logistica te lo consente, perché non vieni?
Quest'anno la terza domenica cadrà il 20 settembre e, non appena tutto sarà stato definito, pubblicheremo nella home-page del sito U.N.I.R.R. (nonché nell'agenda-eventi del sito) il programma dell'evento.

Pensaci.

Cari saluti.

Patrizia

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Moderatori: Maurizio ComunelloPatrizia Marchesini

Usiamo i cookies per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza nell'utilizzarlo. I cookies usati per le operazioni essenziali sono già stati impostati. Per ulteriori informazioni sui cookies che utilizziamo e su come cancellarli, leggete la nostra privacy policy.

  Accettate i cookies da questo sito?