Login al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami
SOSTIENI L'IMPEGNO DELL'U.N.I.R.R.

Il modesto contributo che lo Stato versava all'U.N.I.R.R. è stato eliminato. Nonostante la nostra associazione operi grazie al volontariato gratuito, ha dei costi che vanno necessariamente sostenuti. Per preservare la memoria e continuare il supporto alle famiglie nelle ricerche dei dispersi, abbiamo bisogno del tuo aiuto.
Puoi diventare socio U.N.I.R.R. oppure donare liberamente con le seguenti modalità: tramite bollettino postale sul conto corrente n. 60955408 intestato a U.N.I.R.R. - Via Vincenzo Monti 59, 20145 MILANO, oppure tramite carta di credito o Paypal:
 

Salva

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Antonio Andrioli, Prigionieri nella neve

Recensione di Patrizia Marchesini

 

Prigionieri nella neve copertinaAntonio Andrioli, classe 1917, iscritto alla Facoltà di Economia e Commercio presso l’Università di Torino, stava lavorando in Friuli per l’impresa di costruzioni Recchi quando – il 9 marzo 1942 – fu richiamato all’11° Reggimento Genio di Udine, e assegnato al III Battaglione Misto Genio (Divisione Julia). La sua 123ª Compagnia Artieri comprendeva sette ufficiali e più di cinquecento genieri alpini specializzati in mansioni diverse (lavori di carpenteria, di muratura e altro).

La tradotta partì da Udine il 1° Agosto 1942, giungendo a Izjum – in Ucraina – due settimane dopo.

L’esperienza al Fronte Orientale di Antonio Andrioli si concluderà ben oltre il termine del conflitto: il 27 gennaio 1943 fu catturato dai Sovietici – insieme ai resti del suo reparto – nei pressi di Valuiki, e rientrò in Italia solo nell’estate del 1946.

Il racconto di Andrioli è la prova di come certi ricordi – seppure decantati dal trascorrere degli anni – premano inesorabili per uscire. Intrisi dell’incredulità per essere riuscito a tornare. Permeati di strazio dignitoso, e di flashback sconvolgenti.

La cronaca di quei giorni e di quegli anni di prigionia sublima perquisizioni ripetute e marce, stanchezza infinita e disperata, ma anche sprazzi di umana solidarietà.

È costellata – non può essere altrimenti – di morti.

Alcuni noti all’autore, i più sconosciuti. Per sempre sconosciuti.

Hrenovoe (Krinovaja), Oranki, Suzdal’.

Luoghi diversi e diversi modi di coniugare la sofferenza, descritta sempre con toni pacati.

Un piccolo-grande libro, che va oltre la memorialistica e sfocia nella preghiera a non dimenticare mai.

Una preghiera che, a seguito della recente scomparsa di Antonio Andrioli (deceduto nel settembre 2014) diviene, se possibile, ancora più incisiva.

 

 

 

Antonio Andrioli, Prigionieri nella neve

Neos Edizioni, Rivoli (TO), 2012


logo bn1UNIONE NAZIONALE ITALIANA REDUCI DI RUSSIA
Reduci della Prigionia, Famiglie dei Caduti e dei Dispersi

Ente Morale (Decreto Ministero Difesa 20.11.1996)
Presidenza Nazionale: Via Vincenzo Monti 59 - Milano
email: fronterussounirr@libero.it