Da Li Romani in Russia, Elia Marcelli, Edizioni il cubo, 2008

 

Dopo er Nipro, ce s'avvicinava

a un fiume curvo, semicircolare,

per cui 'sta mezza luna se chiamava

er Bacino der Dònnez; tra sterpare,

boschi e deserti, er Dònnez poi girava

e in faccia a la Crimea finiva a mare:

lì c'era Rostov, dove li tedeschi

cozzàveno co' mezzi giganteschi!

 

Artijerie, aroplani, carri armati,

fiare e fòco de bombe e de cannone;

ma li russi l'avéveno fermati

co' la "catuscia", ch'era un'invenzione

de 'na fila de razzi scatenati

chiamata l'organetto de Baffone:

e quanno che sonàveno 'ste canne,

sentivi un nonsocché ne le mutanne!

 

Meno male che noi s'era distanti

da le fiare de st'organo infernale

un cento e più chilometri abbondanti;

sennò, che avrebbe detto er Generale?

De daje addosso co' le mano avanti

e de smorzallo senza fasse male!

O de stroncà 'sto spaventosono ordigno

co' le bombette a mano d'allumigno!