Da Li Romani in Russia, Elia Marcelli, Edizioni il cubo, 2008

 

Ottobbre: lungo er Don ancora gnente;

solo li rospi, su quell'acqua bassa.

L'ARMIR è tutto in linea, finarmente:

semo duecentodiecimila e passa

schierati su la riva de ponente.

Tutti uniti, sarebbe una gran massa;

ma Hitler ce slungò, pe' la madonna,

su trecento chilometri de spónna! [...]

E lungo er fiume, quanno ciài levato

furerie, sussistenze e lestofanti,

a babbo morto, un tizio ha calcolato

che c'era, ingrimo e solo, lì davanti

'gni sette metri un povero sordato!

Hai capito che razza de briganti!

Ce l'aveveno messo pe' pupazzo

a fà la parte der testade....!

Chi? Come, chi? Ma allora nu' hai capito!

Li tedeschi, li possin'ammazzalli!

Hitler, quell'imbianchino ripulito!

E tutta quella turba de sciacalli,

compreso quer Puzzone rimbambito

bòno a leccàje er culo e a ringrazzialli!

E parla! E dì "Va bè, chi mòre mòre,

mo qui l'Itaja rischia er disonore!"

Non sapéveno forse, 'ste canaja,

che sur Don non bastàveno 'sti trucchi?

Lì, a Stalingrado, c'era una battaja

che divorava carri e òmmini a mucchi!

E 'sti spaventapasseri de paja

proprio in faccia a la steppa dei Carmucchi,

bastava 'na sbandata in quer confronto

pe' spazzalli e pistalli come l'ónto! [...]

Ma tu chi sei, che fai? Nun conti gnente:

stavi lì, te sfogavi co' l'amici,

magnavi un po' de rancio puzzolente,

guardavi er fiume, e poi... da li nemici

ce divideva solo la corrente:

"Ivan se vede?" "No..." "Tu che ne dici?"

E già le foje le portava er vento,

mentre er Don scorreva lento lento.

 

Li-Romani-in-Russia Copertina